stockista-farmaciaDue profili che vivono in ombra: stockista farmacia e galoppini, molto amici di sanitarie e piccole rivendite, ma vecchie conoscenze della farmacia.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

La farmacia italiana aggredita dall’erosione continua dei margini, da un peggioramento della qualità del lavoro, oltre che dover competere, ma sarebbe più lecito dire lottare, con i classici canali distributivi, ha a che fare con una moltitudine di soggetti di dubbia natura che pongono di fatto la farmacia in una condizione di non concorrenza.

La maggior parte dei consumatori è ormai stordita da decine di promozioni e di svendite tra farmacie, parafarmacie e GDO. Al tempo stesso i farmacisti, per far fronte alla concorrenza, cercano di capire in che modo è costruita una promozione. Ci si interroga su quali politche commerciali mettere in atto, quali studi effettuare per poter migliorare la redditività della farmacia, insomma, si investe tempo e capitali per produrre una sana concorrenza.

E’ inutile ainoi perdere tempo per sforzarsi a capire, studiare, comprendere, fino a quando vivranno nell’orbita della farmacia e più in generale della distribuzione, determinati personaggi a cui la concorrenza onesta non può far altro che ridere.

Cosa potrebbe celare uno sconto aggressivo?

Descriviamo due tipologie di individui orbitanti nel commercio, che costituiscono parte dei retroscena dei prodotti a prezzo stracciato in GDO, parafarmacie e sanitarie.

Galoppino farmacia. Google dà pochi risultati se ricerchiamo galoppino farmacia, probabilmente è una figura conosciuta da pochi, tuttavia quei pochi conoscono bene quale è il ruolo del galoppino. Il galoppino è un personaggio che riceve delle vere e proprie soffiate da una rete di informatori che orbita nella grande distribuzione. L’informatore, che può essere interno alla struttura, monitora i prezzi di prodotti di particolare interesse, come gli omogeneizzati, e contatta il galoppino informandolo della promozione. Il galoppino prontamente galoppa in grande distribuzione, acquista in grande quantità ed in contanti i prodotti in promozione, quelli sottocosto, venduti a prezzo stracciato. Possono essere omogeneizzati, ma anche latti e tutto quello che può convenire a farmacie, parafarmacie e sanitarie. Con il carico fatto, il galoppino contatta immediatamente la rete di clienti fidati e propone loro l’acquisto di prodotti senza fattura e senza monitoraggio.

Stockista farmacia. Lo stockista è un’altra figura emblematica legata direttamente o indirettamente ad aziende produttrici e grandi centri di distribuzione. Questa volta e’ il distributore stesso che contatta lo stockista. Molti prodotti con scadenza quasi immediata, ad esempio i prodotti a più bassa rotazione o prodotti resi perché quasi in scadenza o ritirati dal mercato, vengono proposti allo stockista. Lo stockista acquista tutto lo stock e lo rivende ai clienti di fiducia, come sempre sanitarie, esercizi di vicinato ma anche farmacie ed altri esercizi commerciali. Ovviamente il tutto senza fattura. Si contraddistingue dal galoppino perchè è l’azienda produttrice stessa ad utilizzare queste forme di smaltimento più o meno lecito. Prodotti che vanno dagli omogeneizzati ai latti, ma anche parafarmaci nel campo della cosmesi e della bellezza.

Da un lato il cartello dei prezzi gonfiati, voluto esplicitamente dall’industria stessa, che predilige il canale farmacia per attribuire il massimo del valore commerciale ad un prodotto.

Dall’altro, un contesto fatto da personaggi loschi e politiche commerciali inarrivabili, probabilmente con il benestare di chi produce.

Stockista e galoppino, svelato l’arcano dei prezzi stracciati?

Ecco spiegato il perché dei prezzi stracciati di sanitarie, esercizi di vicinato e molto spesso anche farmacie. Acquistare spesso, a basso prezzo e senza fattura è uno dei punti di forza per poter praticare una vera e propria concorrenza sleale, spesso basata su immotivati sottocosto.

I farmacisti si rassegnino: non c’è modo per fronteggiare questo tipo di concorrenza, se è la stessa industria a chiudere gli occhi.