Walgreens-rite-aidL’amministratore delegato di Walgreens, Stefano Pessina, ha fatto sapere nei giorni scorsi di voler abbandonare il progetto di rilevare buona parte della rivale Rite Aid, in un’operazione il cui valore è stato calcolato in 9,4 miliardi di dollari. L’affare dovrebbe limitarsi infatti all’acquisizione della metà dei negozi della catena, il che consentirebbe comunque all’azienda di rafforzare la propria posizione sul mercato, anche nella prospettiva di un possibile ingresso nel settore della farmacia di Amazon. «Quando incominciammo le nostre discussioni con Rite Aid, ciò fu fatto nel quadro della volontà di allargare la nostra rete e la copertura della popolazione – ha spiegato Pessina, secondo quando riferito dall’emittente Cnbc -. I negozi che stiamo proponendo ora di rilevare sono più che sufficienti per creare un nuovo potenziale di opportunità, al fine di ottimizzare ed espandere il network, creando maggiore efficienza e spingendoci oltre nelle sinergie». Walgreens dovrebbe sborsare 5,1 miliardi di dollari per acquisire un totale di 2.186 punti vendita di Rite Aid, il che consentirà al colosso della farmacia americano di incrementare la propria presenza soprattutto nel Nord-est degli Stati Uniti. Da parte sua, la Federal Trade Commission (FTC) dovrebbe annunciare la propria decisione in merito all’operazione originaria (di acquisizione quasi totale) entro la prossima settimana. «Ma dopo un anno e mezzo di lavoro da parte della FTC – ha sottolineato la Cnbc – le due aziende hanno concluso che l’affare non verrà approvato, nonostante la decisione di limitarne la portata (1.200 negozi sarebbero andati ad un terzo soggetto nel tentativo di “convincere” l’ente di controllo)». La questione, in ogni caso, dovrà subire ulteriori verifiche, perché nonostante il dimezzamento della portata, «alcuni analisti hanno sottolineato che Walgreens potrebbe arrivare a vantare comunque una posizione di mercato troppo concentrata, soprattutto in alcune regioni». In altre parole, agli occhi della FTC, i problemi dal punto di vista antitrust potrebbero non essere superati.

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.