utifar-bilancio-socialeUtifar ha fatto sapere di aver avviato i lavori per la realizzazione della terza edizione del “Bilancio sociale delle farmacie italiane”, che anche stavolta verrà elaborato con il Centro Studi Sintesi-CGIA di Mestre, nonché con il patrocinio della Fofi e di Federfarma. Secondo l’associazione, si tratta di un «importante lavoro, volto a comunicare il valore sociale delle farmacie. Il Bilancio sociale rappresenta il documento con il quale un’organizzazione comunica gli esiti della propria attività con particolare attenzione alle scelte responsabili e agli impatti che tali azioni generano, evidenziando il ruolo di sostegno al tessuto sociale ed economico posto in essere nel suo complesso. Utifar sta realizzando questo lavoro con l’obiettivo di mettere a disposizione delle rappresentanze di categoria e professionali uno strumento di comunicazione sull’attività complessiva del sistema delle farmacie, non limitato solamente agli aspetti di natura patrimoniale ed economico-finanziaria, ma esteso soprattutto alle iniziative intraprese per la salvaguardia della salute dei cittadini. I dati che emergeranno dalla ricerca, trasferiti ai cittadini e alla classe politica, avranno la forza di spiegare che la farmacia di comunità rappresenta, oltre ad un luogo di dispensazione del farmaco, anche un importante alleato del cittadino e del territorio».
Si tratta, tuttavia, di un’opera per la quale è necessario un importante sforzo. È per questa ragione che Utifar ha lanciato un appello a tutti i titolari di farmacie, affinché non facciano mancare il loro contributo: «Chiediamo di investire cinque minuti del proprio tempo per fornirci importanti informazioni e contribuire ad incrementare i dati a nostra disposizione, rispondendo in forma anonima ad un questionario che si trova sul seguente link». L’Unione tecnica italiana farmacisti ricorda infine che per ottenere ulteriori informazioni è possibile contattare il Centro Studi Sintesi al numero telefonico 041 2697811, oppure inviare una mail all’indirizzo indagini@centrostudisintesi.com.

© Riproduzione riservata