pharmexpo 2016«L’edizione migliore fino ad ora, quella con il più alto tasso di crescita»: così Fabrizio Cantella, organizzatore di Pharmexpo, definisce il nono appuntamento con la manifestazione dedicata all’industria farmaceutica del Centro-Sud Italia, che si terrà alla Mostra d’Oltremare di Napoli i prossimi 25, 26 e 27 novembre. L’esposizione è nata in collaborazione con Federfarma e Ordine dei Farmacisti ed è l’unica nel Bel paese a godere del patrocinio di entrambi. «Per ora, a due mesi dall’inizio, contiamo 200 espositori e la presenza di circa 240 aziende – spiega Cantella – Abbiamo già raggiunto i numeri dello scorso anno, quindi immaginiamo di avere un incremento del 10% sia per quanto riguarda gli espositori sia per i visitatori. La crescita, nel corso delle edizioni, è stata costante, nonostante i periodi turbolenti vissuti dal settore».
L’evento mette in contatto farmacisti, medici ed operatori con le aziende e vede la collaborazione dell’Ordine dei Medici e di diverse associazioni di medici. «Negli anni si è evoluta in base ai cambiamenti del mercato – dice l’organizzatore – Mentre all’inizio vi prendevano parte molte aziende produttrici di farmaci classici, cosiddetti “etici”, ora è cresciuta la presenza di aziende che realizzano e vendono farmaci generici. Sono stati ampliati anche gli spazi dedicati alla distribuzione intermedia, che ha un ruolo importante nella distribuzione del farmaco in velocità, e abbiamo registrato l’ingresso di molte aziende di cosmesi specifica per farmacia, alcune italiane e alcune multinazionali». Tra i marchi presenti, possiamo citare Abbott, Sanofi, Mylan, Teva e Guna per il settore industriale e Farvima, Guacci e Sofarmamorra per quello della distribuzione intermedia.
«Un altro ambito che ha avuto ampia diffusione è quello del robot da farmacia, un magazziniere elettronico che gestisce il prodotto in modo computerizzato – dice Cantella – A spiegare questo sistema ci saranno aziende come CareFusion e Mach4. Si parlerà anche di omeopatia, medicina naturale e fitoterapia. Il bello della professione del farmacista è essere aperti a 360 gradi ad ogni tipo di rimedio: al centro deve rimanere sempre il paziente». La tre giorni vedrà il susseguirsi di diversi convegni, organizzati in collaborazione con l’Università degli Studi di Napoli, con l’Ordine dei Farmacisti e con le associazioni mediche. «Uno che riscuoterà sicuramente molto successo sarà quello su “Il Managment della farmacia” – aggiunge Cantella – e affronteremo per primi in Italia il tema dell’E-commerce farmaceutico. Gli operatori hanno la necessità di confrontarsi e per questo avremo tante occasioni di dibattito anche sull’ingresso del capitale in farmacia, che nei prossimi anni cambierà lo scenario a cui siamo stati abituati fino ad ora. L’importante, nonostante i mutamenti, è che resti invariata la professionalità del farmacista nel suo rapporto con il cliente».
Silvia Legnani

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.