rapine in farmaciaSono diminuite le rapine nelle farmacie di Milano e provincia nel periodo che va da ottobre 2016 a gennaio 2017: dalle 31 dell’anno precedente alle 19 attuali. Il calo è dovuto soprattutto agli arresti di diversi rapinatori seriali, a conclusione delle inchieste che le Forze dell’Ordine hanno portato avanti già nel primo semestre del 2016.

Si tratta di dati in controtendenza: negli ultimi 5 anni le rapine in farmacia erano sempre aumentate nel periodo invernale.“Grazie alla stretta collaborazione tra Forze dell’ordine e farmacie – ha osservato Annarosa Racca, Presidente di Federfarma – si è innescato un processo virtuoso che ha permesso l’individuazione e l’arresto di diversi rapinatori seriali. Importanti sono stati l’aumento degli impianti di videosorveglianza nelle farmacie collegati alla Questura ed il coordinamento su orari e modalità del pattugliamento delle Forze dell’ordine fuori delle farmacie”.

Il rapinatore seriale di farmacie ha un profilo ben definito: agisce da solo, travisa il proprio viso, si accontenta di rubare somme modeste, fugge a piedi, utilizza come arma coltelli o pistole, ma anche armi occasionali come bottiglie rotte, siringhe, bastoni. Gli impianti di videosorveglianza collegati direttamente con la Questura sono stati adottati da oltre il 30% delle farmacie, e sono in deciso aumento le prenotazioni per l’installazione dell’impianto o per il suo ammodernamento.

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.