gruppo cgmCompuGroup Medical (CGM) ha rispettato le tappe prefissate e, a partire dal 25 maggio 2018, ha adeguato i propri processi interni e i propri prodotti al regolamento dell’Unione europea numero 2016/679, che introduce nuove disposizioni e nuovi adempimenti in materia di protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali (privacy), noto anche con la sigla GDPR (General data protection regulation).
La multinazionale tedesca specializzata nella produzione e commercializzazione di servizi tecnologici e software per il mondo della sanità ha specificato che «l’adeguamento è stato svolto con estrema attenzione da tutte le Business Unit italiane che offrono soluzioni software e piattaforme digitali a farmacie, aziende sanitarie locali, studi medici e dentisti». «Il GDPR è un importante passo in avanti per i diritti legati alla privacy. Noi che sviluppiamo tecnologia nel campo della sanità dobbiamo garantire che i dati che trattiamo, sia personali che sanitari, siano utilizzati nel pieno rispetto del regolamento. Negli ultimi mesi abbiamo lavorato molto su questo tema e siamo davvero fieri del risultato raggiunto», ha commentato Emanuele Mugnani, vice-presidente senior di CGM per l’area Europa meridionale.
Come riferito ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, il gruppo con sede a Coblenza ha anche sviluppato di uno strumento chiamato CGM DATA-PROTECT, specifico per i professionisti della salute. Esso punta a guidare i professionisti nel cambiamento imposto dalla nuova normativa comunitaria e consente, come spiegato dalla stessa CGM, «di produrre tutta la documentazione richiesta, ottenere un report dettagliato con suggerimenti e segnalazioni di non conformità, nonché di accedere a materiali formativi sul regolamento». La piattaforma è inoltre «corredata da un corso di formazione, erogato in modalità FAD, in fase di accreditamento ECM». Ora l’azienda fa sapere che CGM DATA-PROTECT è stato già installato da migliaia di utenti, anche in ragione del fatto che si tratta di uno strumento “trasversale” alla clientela (farmacie, studi medici, studi dentistici).

© Riproduzione riservata