corso perfezionamento galenicaNato dall’esigenza di formare professionisti esperti nel campo delle preparazioni, l’Università degli Studi di Napoli Federico II presenta il corso di perfezionamento in “Galenica magistrale ed officinale”. L’Ateneo ha emanato un bando di concorso, per titoli, per l’ammissione di 40 studenti, numero che sarà possibile aumentare del 20% in caso di presenza superiore di idonei. Si tratta di un percorso di 1500 ore (60 CFU) tra didattica frontale, esercitazioni di laboratorio, seminari e visite a scopo didattico presso officine farmaceutiche, rivolto ai laureati in Farmacia e in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche che in relazione a spedizione di ricetta magistrale, preparazione di galenici officinali multipli, allestimento di medicinali omeopatici e di prodotti salutistici, saranno in grado di fornire un prodotto rispondente ai requisiti di qualità, sicurezza ed eventuale efficacia e potranno consigliarne le corrette modalità d’impiego. L’obiettivo è quello di formare professionisti esperti nelle preparazioni galeniche magistrali ed officinali, anche omeopatiche, operanti nel settore pubblico e privato, nelle farmacie e nelle officine autorizzate all’allestimento di formulazioni farmaceutiche, fitoterapiche e a valenza salutistica, ed esperti che possano svolgere un ruolo di consulenza a livello formulativo, esecutivo e di controllo di qualità delle formulazioni galeniche nel settore farmaceutico. Le attività didattiche si svolgeranno nella sede del Dipartimento di Farmacia, con l’utilizzo delle aule dotate di attrezzature multimediali ed i laboratori didattici per lo svolgimento delle esercitazioni a posto singolo. La quota di iscrizione individuale è di 1500 euro, suddivisibile in tre rate. Alla fine del corso, che esonera dall’obbligo degli ECM annuali e assegna 3 punti per le graduatorie di Istituto, verrà rilasciato un attestato di partecipazione.
La domanda di partecipazione dovrà essere recapitata all’Ateneo entro e non oltre le ore 12 del 18 dicembre 2017. Per informazioni, scrivere alla Prof.ssa Agnese Miro, miro@unina.it, o alla Dott.ssa Michela Russo, michela.russo@unina.it.

© Riproduzione riservata