enpafLe società di capitali, le società cooperative a responsabilità limitata e le società di persone, titolari di farmacia privata, con capitale maggioritario di soci non farmacisti, non saranno esentate dal versamento all’Ente nazionale di Previdenza e Assistenza Farmacisti (Enpaf) di un contributo pari al 2 per cento del fatturato annuo. Ciò senza diritto di rivalsa, con esclusione di quello derivante da prestazioni rese in favore del Servizio Sanitario Nazionale. Tale contributo è versato all’ente previdenziale ogni anno, entro il 30 settembre dell’anno successivo alla chiusura dell’esercizio.
A stabilirlo è un emendamento alla legge di Bilancio (atto n. 2960, “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018-2020”), che è stato approvato nel corso della discussione in commissione al Senato, nella mattinata del 27 novembre 2017. La proposta di modifica è stata presentata dai senatori Andrea Mandelli e Luigi d’Ambrosio Lettieri, rispettivamente presidente e vice-presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, assieme ai parlamentari Antonio Azzollini, Michele Boccardi e Remigio Ceroni. La relatrice Magda Angela Zanoni (Partito democratico) ha espresso parere favorevole, mentre il vice-ministro dell’Economia e delle Finanze, Enrico Morando (anch’egli del partito democratico), è intervenuto per motivare il parere favorevole, sottolineando come a suo avviso il testo renda «pressoché neutrale il prelievo contributivo rispetto allo status giuridico del titolare della farmacia privata, persona fisica o società». In altre parole, la misura ha ottenuto un consenso trasversale perché, secondo il vice-ministro, consente di introdurre un principio di uguaglianza per quanto riguarda il versamento.
Il provvedimento dovrà in ogni caso essere approvato dall’Aula: ciò potrà avvenire a partire da oggi, mercoledì 29 novembre, giorno in cui è previsto l’inizio delle discussioni. Ieri la quinta commissione ha infatti proseguito l’esame del disegno di legge.

© Riproduzione riservata