formamicoA pochi giorni dalla chiusura di Formamico, che si è tenuto a Perugia nelle giornate dell’11 e del 12 novembre 2017, Damiano Marinelli – ideatore e consulente indipendente per le farmacie – ha tracciato un bilancio dell’evento. «Si è trattato – ha commentato a FarmaciaVirtuale.it – di un autentico successo. Abbiamo registrato un record di iscritti, 160. Nella giornata di domenica, poi, tenendo conto anche degli ospiti presenti, eravamo quasi 200 persone».
«Nel corso delle due giornate – ha aggiunto – non ho mai visto nessuno alzarsi dalla propria sedia. Sabato abbiamo terminato i lavori alle 20:35, al fine di completare un focus sul percorso di vendita in farmacia, eppure erano ancora tutti presenti. Anzi, in molti avrebbero voluto porre altre domande». Nel merito dei contenuti, Marinelli spiega che «il corso è stato concretissimo. Sono stati illustrati tutti i passaggi necessari per assicurare un buon andamento della farmacia, abbiamo spiegato quando occorre farli e perché. Il percorso è partito dalla trattazione della figura del titolare, perché come ho detto alla platea, “il pesce puzza sempre dalla testa”. Quindi abbiamo definito le sue mansioni e indicato ciò che, al contrario, non deve fare. In seguito, abbiamo affrontato il tema del brand della farmacia, parlato di come ci si può differenziare dalle altre farmacie e dagli altri competitor. Poi, nel pomeriggio di sabato, seguendo lo stesso percorso logico, abbiamo trattato la fase di vendita. La domenica mattina, invece, ci siamo concentrati sulla gestione dei collaboratori, visto che ad oggi esiste un problema forte e sentito in tema di risorse umane: alcuni titolari risultano scontenti, in altri casi ad esserlo sono i collaboratori stessi. Noi abbiamo cercato di porre dei punti fermi da ambo le parti». L’edizione 2017 di Formamico ha visto inoltre la presenza di Robin Good, «uno dei massimi esperti in assoluto di social network, che non ha parlato in generale ma concentrato la propria attenzione proprio sulla farmacia, analizzando una serie di pagine Facebook, sottolineando errori e fornendo consigli su come sfruttare al meglio il mezzo. L’entusiasmo dei partecipanti è stato incredibile: basti pensare che non ho chiesto di scrivere alcuna recensione, ma in maniera spontanea nel mio gruppo ne sono arrivate numerose e tutte molto positive». Per quanto riguarda il 2018, Marinelli ha spiegato che verrà organizzato un corso specifico per i collaboratori: «Si chiamerà “Professionisti del banco”. Abbiamo voluto sottolineare in questo modo la differenza tra essere professionisti “del” e non soltanto “al” banco. Ormai anche per i collaboratori l’asticella si è alzata, la concorrenza è importante».

© Riproduzione riservata