dcr-fur«Alla luce dei positivi risultati ottenuti dalla attivazione nelle farmacie lecchesi, la DCR-FUR verrà attivata anche nelle farmacie delle province di Varese e di Sondrio dal mese di marzo». A spiegarlo è Federfarma Lombardia, che sottolinea come sia «altamente probabile che dai prossimi giorni i software gestionali delle farmacie afferenti ai suddetti territori verranno aggiornati; inoltre le farmacie potrebbero venire contattate dalla propria software-house per effettuare alcune operazioni sui sistemi informatici delle farmacie».
L’associazione regionale dei titolari di farmacia ha ricordato poi che «è importante che tutte le farmacie, non solo quelle delle province di Sondrio e Varese, attivino il prima possibile la Firma Elettronica Avanzata (FEA), comunque entro la fine del mese di marzo». Essa è necessaria «per firmare i flussi DCR-FUR validi che ciascuna farmacia ha inviato alla Regione Lombardia. La firma avviene sul Portale Unico Farmaceutico (PUF) predisposto da Lombardia Informatica». La FEA, viene inoltre specificato, «consente l’identificazione del firmatario del documento» e per questo, «grazie alla sua apposizione, la DCR-FUR diventa quindi un documento valido ed opponibile a terzi».
Federfarma Lombardia ha precisato poi che «le farmacie continueranno a rivolgersi alla propria software-house per l’assistenza sull’invio della DCR-FUR». E, se si riscontrassero problematiche in grado di bloccare l’invio, la validazione o la firma della nuova DCR-FUR, esse potranno contattare Lombardia Informatica tramite e-mail farma@lispa.it telefonicamente ai numeri 02/5357.6907 e 02/5357.6996, dal lunedì al venerdì dalle 09:00 alle 19:00 e il sabato dalle 09:00 alle 13:00». Chi volesse ottenere informazioni più specifiche o aggiornamenti, può inoltre accedere al sito Internet di Federfarma Lombardia. Quest’ultima ha infine spiegato che «in questa prima fase, le farmacie continueranno a consegnare il sacco delle ricette, contenete anche i promemoria alle ATS; nei prossimi mesi, non dovranno più consegnare i promemoria, che potranno distruggere in base alle indicazioni che verranno comunicate».

© Riproduzione riservata