mud farmacieEntro il 30 aprile 2018 dovrà essere presentata la dichiarazione ambientale, ossia il MUD, relativa ai rifiuti prodotti nell’anno 2017. A ricordarlo è Federfarma, che sottolinea come si tratti di un adempimento che riguarda «anche le farmacie che nel corso del 2017 abbiano prodotto rifiuti pericolosi». Per effettuare la dichiarazione occorre utilizzare la nuova modulistica, approvata il 28 dicembre 2017: «Le principali novità – sottolinea l’associazione di categoria – riguardano l’introduzione nella Comunicazione imballaggi (Sezione Consorzi) della scheda SBOP immissione sul mercato delle borse di plastica, al fine di allineare la dichiarazione al decreto legge 91/2017 di recepimento della direttiva 2015/720/UE sulla riduzione dell’utilizzo di borse di plastica in materiale ultraleggero. Si ritiene utile segnalare che tale scheda non riguarda le farmacie perché sarà compilata solo dal Conai e dai produttori». «Dal punto di vista dei soggetti obbligati e delle categorie di materiali da dichiarare – prosegue Federfarma – si ritiene utile chiarire che stante l’inapplicabilità per tutto il 2018 delle sanzioni relative al funzionamento del SISTRI, il MUD dovrà essere presentato, a fronte della produzione di rifiuti pericolosi nel 2017, sia dalle farmacie non obbligate ad aderire al SISTRI (ossia quelle che producono rifiuti pericolosi e occupano fino a 10 dipendenti) che da quelle obbligate». Potranno ricorrere alla dichiarazione semplificata le farmacie che hanno prodotto fino a 7 tipologie di rifiuti; hanno prodotto i rifiuti medesimi nell’unità locale (ossia la farmacia) cui si riferisce la dichiarazione; utilizzano per ogni rifiuto non più di 3 trasportatori e 3 destinatari finali. Per farlo ci si dovrà collegare al portale mudsemplificato.ecocerved.it e seguire le istruzioni, «tenendo presente che, diversamente dal passato, non viene più ammesso l’invio cartaceo tramite posta di tale dichiarazione semplificata che potrà essere trasmessa, previa attestazione del versamento dei diritti di segreteria, unicamente via PEC all’indirizzo comunicazioneMUD@pec.it ». È stato inoltre ricordato che, qualora non si ricorra alla dichiarazione semplificata, «il MUD, previo versamento dei diritti di segreteria, andrà presentato mediante trasmissione telematica se il dichiarante è in possesso di un dispositivo contenente il certificato di firma digitale o, in alternativa, mediante spedizione via PEC». Infine, sempre entro il 30 aprile, le farmacie iscritte al SISTRI dovranno versare la relativa quota annuale (i cui importi non sono cambiati).

© Riproduzione riservata