farmaci generici«Il tema della spesa farmaceutica per i ticket l’ho affrontato personalmente nella mia attività da parlamentare. In effetti, in Europa, siamo tra quelli che usano meno farmaci generici». Ad affermarlo è stata, il 20 giugno 2018, il ministro della Salute Giulia Grillo. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Public Policy, l’esponente del Movimento 5 Stelle ha spiegato inoltre di aver «spesso sentito storie fantasiose come quella che certi farmaci sarebbero meno efficaci di quelli coperti da brevetto. Non è così. Poi ovviamente se parliamo di malati cronici posso anche capire le esigenze malato».
Proprio sulla questione dell’ancora non sufficiente penetrazione dei farmaci generici nel mercato, come riferito dal nostro giornale, un approfondimento pubblicato dal magazine di IQVIA ha ipotizzato che una delle possibili ragioni possa essere riconducibile al loro stesso nome. «Si tratta della traduzione italiana – ha spiegato la multinazionale americana – della definizione “generic medicinal product”. Una traduzione letterale che è risultata spesso fuorviante, dal momento che l’aggettivo “generico” suggerisce l’idea di un prodotto non specifico, percepito quindi come inferiore rispetto all’originale». Per questo, nel tempo, si è passati alla parola “equivalente”.
Tuttavia, non tutti sembrano convinti da tale ipotesi “linguistica”: un lettore di FarmaciaVirtuale.it ha osservato a proposito: «Le farmacie sanno molto bene il perché» delle difficoltà dei medicinali generici. «C’è chi li osteggia e c’è perfino chi se la prende con le farmacie che fanno il loro dovere avvisando i pazienti che il farmaco è sostituibile». Inoltre, secondo il farmacista lettore, nella popolazione è passata in alcuni casi la falsa informazione secondo la quale il farmaco equivalente «può avere per legge fino al 20% di principio attivo in meno, confondendo biodisponibilità con principio attivo».

© Riproduzione riservata