La farmacia aperta in quel preciso momento e più vicina all’utente che la sta cercando. Si chiama “Farmamia” la nuova app mobile realizzata da Federfarma Verona e disponibile da questa estate sull’intero territorio provinciale. Con questo nuovo e versatile strumento tecnologico si supera il concetto limitato alla sola della Guardia Farmaceutica (la cui comunicazione resta comunque obbligatoria) per offrire al cittadino la visione delle aperture in tempo reale. Il sistema tiene quindi conto delle aperture in deroga, che tra l’altro aumentano durante l’estate soprattutto nelle zone ad alta vocazione turistica, degli ampliamenti di orario, ma anche delle festività e delle chiusure per ferie.
“Farmamia” è uno strumento che completa l’offerta già presente anche nel sito dell’Ulss 9 Scaligera per quanto riguarda gli orari delle farmacie, in questo modo si potranno vedere oltre alla geolocalizzazione delle farmacie di turno anche tutte quelle aperte in tempo reale.
«La continuità del Servizio farmaceutico da adesso è ancora più a misura delle esigenze del cittadino – spiega Marco Bacchini, presidente Federfarma Verona -. Con “Farmamia” si esce dal “semplice” concetto di informazione del turno di Guardia Farmaceutica che comunque rientra nelle farmacie visualizzate dall’applicazione, per offrire dunque un servizio onnicomprensivo sempre aggiornato. Nella ricerca della farmacia aperta più vicina il cittadino non deve più preoccuparsi di nulla, sullo schermo vede quella e quelle disponibili e questa è l’informazione che gli serve. Certo i turni di Guardia Farmaceutica rimangono e sono dettagliatamente illustrati anche nella sezione dedicata di “Pillole” la nostra rivista e nel sito www.federfarmaverona.it, ma in “Farmamia” il concetto si amplia e si affina. Tengo a precisare che questo sistema rappresenterà, una volta perfezionato, l’unica forma di comunicazione autorizzata e controllata da Federfarma Verona per segnalare le farmacie in servizio. L’efficiente applicazione software è utilissima anche per i turisti che avranno un immediato impatto visivo della farmacia con la possibilità di raggiungerla senza chiedere informazioni e gestendo quindi le proprie esigenze sanitarie in modo autonomo».

© Riproduzione riservata