durc farmacieIl presidente di Federfarma Napoli Michele Di Iorio ha inviato una lettera al consigliere per la Sanità della Regione Campania, Enrico Coscioni, nella quale spiega: «In riferimento alla richiesta, da parte di alcune Asl, di presentazione di una “dichiarazione sostitutiva di certificazione (D.U.R.C.)” ai fini del pagamento delle competenze relative alla erogazione di prodotti di assistenza farmaceutica ed integrativa, preciso che essa è del tutto infondata in quanto il DURC è richiesto ai datori di lavoro nell’ambito delle procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi. Mentre il rapporto delle farmacie con il SSN per l’erogazione in regime convenzionale dei medicinali e degli altri prodotti di assistenza integrativa esula dal campo di applicazione della normativa relativa».
Infatti, prosegue Di Iorio, «le farmacie espletano tale servizio non in virtù di una procedura ad evidenza pubblica, ma in quanto sono tutte obbligatoriamente convenzionate con il Servizio sanitario nazionale ai sensi dell’art. 28, della legge n.833/1978. La relativa disciplina, come è noto, è dettata dalla Convenzione nazionale farmaceutica, resa esecutiva con DPR 8 luglio 1998, n. 371. Risulta, pertanto, un’inammissibile forzatura ricondurre a procedure di affidamento delle concessioni e degli appalti di lavori, forniture e servizi le ipotesi di assistenza farmaceutica convenzionata, svolto in modo continuativo dalle farmacie. Queste ultime non svolgono il servizio in base ad un contratto di appalto, ma in base alla citata convenzione». La questione, d’altra parte, «per una fattispecie analoga era già stata risolta in questo senso dall’AVCP (Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture), che aveva escluso che le prestazioni sanitarie, tra le quali l’assistenza farmaceutica e protesica, potessero ricondursi nell’ambito del contratto d’appalto». Pertanto, conclude il presidente di Federfarma Napoli, «per verificare la regolarità contributiva di una farmacia la Asl non può pretendere un DURC, bensì deve rivolgersi direttamente all’Inail e all’Inps e non può assolutamente subordinare il pagamento delle forniture al rilascio da parte della farmacia di un tale documento». Di qui la richiesta a Coscioni «di intervenire sui direttori generali delle Asl napoletane affinché armonizzino le rispettive procedure».

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.