tecnofarma-app-invio-corrispettiviLa società TecnoFarma, sviluppatrice del software gestionale per farmacie “DotFarma”, ha reso noto di aver messo a punto una app tramite la quale è possibile adempiere a quanto stabilito dal decreto legislativo 127 del 2015 in merito alla trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri derivanti dall’utilizzo di distributori automatici diversi da quelli disciplinati dal provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 30 giugno 2016.
«Dal punto di vista operativo si tratta di una app molto semplice – ha spiegato con una nota inviata a FarmaciaVirtuale.it Antonio Polito, responsabile del progetto presso TecnoFarma – e a tale vantaggio si aggiunge quello dell’economicità. La questione, come noto, è relativa a tutte le attività commerciali che possiedono un distributore automatico che funzioni con dei contanti: per loro è obbligatorio certificare i proventi incassati tramite tali macchine e inviare i dati al fisco. Si tratta delle vending machines considerate senza porta di comunicazione, che in una fase transitoria dovranno adottare tale procedura, che dovrà essere effettuata almeno ogni 60 giorni. A partire dal 2023, invece, tutte le vending machines saranno dotate di un sistema di comunicazione automatico». Polito spiega inoltre che il prezzo è stato fissato a 120 euro più Iva: «Ma si tratta del costo che sarà necessario pagare a partire da lunedì 26 febbraio. Fino a quel giorno la nostra azienda propone la app in promozione al costo di 90 euro più Iva. In entrambi i casi ci tengo a sottolineare che si tratta di un prezzo omnicomprensivo. Ciò significa che una volta acquistata la app sarà utilizzabile per tutta la durata del periodo transitorio: non sono previsti ulteriori costi di abbonamento e anche gli aggiornamenti del software, nonché quelli necessari per eventuali adeguamenti alla normativa sono compresi». L’obbligo di invio è scattato a partire dal 1 gennaio 2018 e riguarda tutti i distributori automatici privi di “porta di comunicazione”, previo censimento degli stessi e acquisizione del relativo QRCODE identificativo.
L’app sviluppata da TecnoFarma si affianca quindi a quella preannunciata da Promofarma, su cui era recentemente intervenuto Nicola Stabile, presidente, informando che gli ultimi test erano andati a buon fine e che la app era pronta al lancio. Al momento non si ha notizia di altre applicazioni sviluppate da software house farmacia e disponibili sul mercato.

© Riproduzione riservata