app promofarmaÈ disponibile da oggi, lunedì 26 febbraio 2018, la App CVM prodotta da Promofarma per la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate dei dati dei corrispettivi realizzati tramite distributori automatici (vending machines) privi di porta di comunicazione. A renderlo noto è Federfarma che ricorda come il software sia stato sviluppato in ambiente Android – è dunque scaricabile sul Play Store – e che esso richiede un device (smartphone o tablet) che garantisca una serie di requisiti minimi: la versione installata di Android deve essere almeno la 4.4 “kitkat”; deve essere dotato di una fotocamera con auto focus; deve possedere la geolocalizzazione Gps integrata. «Il servizio – spiega l’associazione di categoria – consente a ciascuna farmacia di configurare fino a 5 distributori automatici, che dovranno essere preventivamente censiti presso l’Agenzia delle Entrate tramite il rilascio del QR Code, essenziale per l’attivazione del servizio. Il costo è di 40 euro + IVA all’anno per farmacia e, pertanto, se lo stesso soggetto giuridico possiede più farmacie dovrà sottoscrivere un canone per ciascuna di esse». Per ottenere la App occorre sottoscrivere un contratto sul sito di Federfarma, «accedendo alla parte riservata e cliccando sul bottone “VendingMachine” che si trova nel box “DigitalCareFarma” (nella parte destra dello schermo). Quindi provvedere al pagamento online a mezzo carta di credito. Infine effettuare il download dal Play Store della App CVM Promofarma e provvedere alla configurazione del software». È utile ricordare che la trasmissione deve avvenire ogni 60 giorni (i dati dei ricavi realizzati tramite la vending machine il 1 gennaio, ad esempio, devono essere inviati entro il 1 marzo). Intervistato da FarmaciaVirtuale.it, il presidente di Promofarma Nicola Stabile aveva annunciato la App parlando di «strumento particolarmente atteso da un numero importante di farmacisti». Sul mercato esiste un’alternativa, come quella proposta da Tecnofarma che il nostro giornale ha presentato ai propri lettori.

© Riproduzione riservata