L’Enpaf ha ricordato quali sono le novità e le procedure che riguardano una serie di temi, tra i quali le domande di disoccupazione, le borse di studio e l’ISEE.

enpafEnpaf ha elencato a farmacisti e Ordini una serie di adempimenti e novità riguardanti cancellazioni e iscrizioni, disoccupazione, borse di studio e ISEE. Per il primo argomento, l’ente previdenziale ha spiegato che «al fine di poter predisporre l’elenco dei contribuenti Enpaf per l’anno 2016 si confida nella collaborazione di tutti gli Ordini affinché trasmettano con tempestività le delibere di iscrizione e cancellazione. In tale modo si potrà provvedere a formare in modo corretto il carico contributivo evitando disagi agli iscritti e ai farmacisti ormai cancellati».
Per quanto riguarda la disoccupazione temporanea e involontaria, poi, l’Enpaf ha spiegato che «occorre segnalare l’intervenuta modifica della disciplina in materia di disoccupazione temporanea e involontaria. In particolare l’art. 19 del decreto legislativo n. 150 del 2015 stabilisce che sono considerati disoccupati i lavoratori privi di impiego che dichiarano in forma telematica al portale nazionale delle politiche del lavoro la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa». Tale procedura prevede dunque «l’eliminazione della previgente dichiarazione di immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa, in formato cartaceo (DID)». C’è però un problema: ad oggi il portale nazionale non è attivo e, dunque, fino a quel momento occorrerà utilizzare il vecchio metodo, oppure, «ove siano presenti dei sistemi informativi regionali, la dichiarazione sarà rilasciata al sistema informativo regionale competente».
Inoltre, in tema di borse di studio, il Cda dell’ente, nella seduta del 27 gennaio 2016, ha deliberato l’approvazione del bando per l’assegnazione di 163 contributi a favore dei figli di farmacisti iscritti o pensionati Enpaf per l’anno scolastico / accademico 2014-2015. Sono previste cinque sezioni per le quali è stato stabilito un numero diverso di borse di studio disponibili e un diverso importo: si va dalla scuola di istruzione secondaria di secondo grado (50 borse dell’importo di 500 euro ciascuna) fino alla laurea specialistica a ciclo unico (10 borse dell’importo di 3.500 euro ciascuna). Tali borse sono esenti da tassazione. La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 15 aprile 2016.
Infine, l’Enpaf ha spiegato che lo stesso ente previdenziale ha segnalato di recente che «per l’anno 2016, alle domande dirette ad ottenere prestazioni assistenziali sarà necessario allegare, oltre alla consueta documentazione fiscale, altresì l’ISEE standard (ISEE ordinario) del nucleo familiare. Si ribadisce che per l’anno 2016 la liquidazione delle prestazioni avverrà in base al requisito reddituale pro capite riferito al nucleo familiare del richiedente, ma che la produzione dell’ISEE è comunque obbligatoria e si rende necessaria in quanto si intende introdurre, per il prossimo anno, un diverso sistema di valutazione della situazione economica basato su tale indicatore».

© Riproduzione riservata

Clicca e Iscriviti alla Newsletter di FarmaciaVirtuale.it!