ddl concorrenzaLa commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato ha avviato nel pomeriggio di martedì 11 luglio la discussione in quarta lettura del disegno di legge sulla Concorrenza. Il relatore Luigi Marino ha illustrato le cinque modifiche che la Camera dei deputati ha apportato al provvedimento. Come noto, si tratta di questioni che riguardano le polizze assicurative, gli operatori di telefonia, il mercato dell’energia elettrica, le attività odontoiatriche e la razionalizzazione della rete dei carburanti.
Il senatore ha poi sottolineato che «alle iniziali dichiarazioni del presidente del PD e del capogruppo del PD alla Camera sulla necessità di introdurre ulteriori modifiche risolutive al disegno di legge approvato dal Senato il 3 maggio, indispensabili per il voto favorevole del gruppo di maggioranza alla Camera, hanno poi fatto seguito quattro piccole correzioni. Le modifiche apportate dall’altro ramo del Parlamento sono di fatto marginali». Marino ha quindi aggiunto che «sul disegno di legge in esame e sul tema della concorrenza più in generale, si sono diffusi, nell’opinione pubblica come nella politica, luoghi comuni, inesattezze e pregiudizi. Su notai, avvocati e farmacisti si è avuta la prova che la politica ha scelto nell’interesse degli utenti, senza squinternare le categorie e le imprese». E ha voluto poi replicare «ad alcune critiche che sono state avanzate su un quotidiano in merito ai pericoli che deriverebbero dalla mancata commercializzazione di medicinali da banco negli autogrill, che ritengo, oltre che infondate, imbarazzanti per chi le ha formulate».
Marino ha inoltre affermato che «la Camera ha fatto un lavoro non eccelso, ma il provvedimento non può tornare a Montecitorio in quinta lettura: bisogna chiuderlo». Quindi il presidente della commissione Mucchetti ha fissato «alle ore 18 di giovedì 13 luglio il termine per la presentazione di eventuali ordini del giorno ed emendamenti alle modifiche approvate dalla Camera dei deputati al Ddl».
Nella giornata di mercoledì 12 luglio invece la vicepresidente della Commissione, Paola Pelino (Fi), che ha proposto lo slittamento del termine a martedì 18 luglio, riferisce di avere “raccolto le esigenze di colleghi di vari gruppi di avere più tempo per esaminare le modifiche della Camera al Ddl”, per valutare la presentazione di emendamenti. Lo riferisce l’agenzia Il Sole 24 Ore Radiocor Plus. Pelino conferma che la richiesta e’ stata accolta dal presidente della Commissione, Massimo Mucchetti (Pd), pertanto il termine della presentazione è slitatto a martedì 18 luglio 2017.

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.