Marco Conti, responsabile commerciale di Siteam Srl, software house per farmacie con sede a Siracusa, ci parla della sua idea di “innovazione”: «Farmacista non più solo dispensatore di farmaci, ma imprenditore».

siteam srl«Innovazione in farmacia significa avere la possibilità di gestire tutte le funzioni in modo semplice attraverso strumenti che aiutino a compiere operazioni più rapidamente e con meno passaggi»: è questa l’idea di innovazione proposta da Marco Conti, responsabile commerciale di Siteam Srl, software house con sede a Siracusa e storia trentennale.

FarmaciaVirtuale.it aveva già parlato dell’ultimo prodotto all’avanguardia ideato dall’azienda, ossia Pl@net, un software gestionale per farmacia, «elemento chiave per migliorare la vita lavorativa dei professionisti e per innalzare il livello dei servizi offerti ai clienti». «Il farmacista, attraverso la tecnologia, può avere tutto a portata di mano – spiega Conti – e l’innovazione può essere sviluppata da tutti coloro che lavorano in farmacia, anche dai collaboratori». Spesso le software house si focalizzano sull’integrazione dei loro software gestionali con hardware esterni, come i robot o gli elimina code: l’innovazione risiede proprio qui per il responsabile commerciale di Siteam.

«Con dieci strumenti a disposizione accessibili da piattaforme non integrate, non riesci a fare neanche una cosa – dice Conti – L’innovazione è l’integrazione di più utilities, mediante l’utilizzo dei software prorietari delle varie strumentazioni, poste all’interno di un unica piattaforma operativa. Pl@net, ad esempio, integra totalmente l’eliminacode all’interno del gestionale, ma è integrato anche con il POS, il negozio di e-commerce, le casse automatiche, il robot. Con una semplice operazione sul software gestionale, si ha a cascata l’aggiornamento delle varie piattaforme esterne integrate. È proprio questo il punto di forza: la possibilità di fare più cose ed in meno tempo attraverso un unico strumento gestionale».

Inoltre, uno dei nostri cavalli di battaglia aggiunge Conti, è quello «della disponibilità allo sviluppo di nuove features all’interno del software gestionale. In altre parole, se si vogliono implementare modifiche richieste dal farmacista – spiega – si riescono a compiere in modo rapido e semplice, a patto che le stesse siano di beneficio per gran parte degli utilizzatori. Potremmo paragonare il nostro modello di lavoro a quello di una sartoria che produce abiti sartoriali su misura».

Nonostante si siano fatti negli ultimi anni molti passi avanti, esistono ancora farmacisti legati al passato. «C’è chi ancora non controlla il magazzino – dice Conti – e questa come altre situazioni portano a problematiche importanti in farmacia. Innovarsi consiste nel capire la possibilità di sfruttare la tecnologia, e gli strumenti a propria disposizione, tra cui quelli di marketing, e di comunicazione, ancor meglio se integrati nel software gestionale farmacia. Il ruolo del farmacista sta cambiando: non è più solo dispensatore di farmaci, ma imprenditore».

© Riproduzione riservata

Clicca e Iscriviti alla Newsletter di FarmaciaVirtuale.it!