cgm pharmaone«CompuGroup Medical SE (CGM), azienda leader mondiale nella sanità elettronica, ha nominato Alessandro Avezza general manager di CGM Pharmaone, la system house della divisione Pharmacy Information Systems in Italia». A riferirlo è la stessa società, in un comunicato nel quale si sottolinea il fatto che «continua il rafforzamento di CGM sul mercato italiano, con l’obiettivo di consolidare e incrementare il già vasto parco utenti in ambito farma». Attualmente CGM Pharmaone, la business unit che si occupa di distribuzione diretta di servizi e prodotti di information technology per le farmacie in Italia, serve 7.000 esercizi su tutto il territorio nazionale. Attraverso le aziende controllate Farma3tec, Qualità in Farmacia, Mondofarma e Vega Informatica e Farmacia (riunite proprio nella specifica divisione CGM Pharmaone), nonché tramite Studiofarma, CGM Italia Group offre soluzioni software, servizi e hardware. Sono noti in particolare i nomi di Wingesfar, Farma3, Avatre e 3Pharm, software tra i più diffusi nel settore. Inoltre, le farmacie di 58 aziende sanitarie locali in sette differenti regioni italiane utilizzano le piattaforme di distribuzione Webcare e WebDpc, che hanno ottenuto il Premio Innovazione ICT in Sanità.
«Torinese, dopo la laurea in Economia e un executive master in Business and Administration – fa sapere il gruppo CGM – Avezza ha sviluppato il suo percorso professionale nel mondo dei servizi, dei software gestionali e della system integration per le piccole e medie imprese. Ha maturato una significativa esperienza in varie funzioni aziendali, dal business controlling, alle operations, al marketing, fino a ricoprire il ruolo di VP Channels and Sales in una primaria azienda italiana di software». «La nomina di Alessandro Avezza nel ruolo di general manager – ha commentato Emanuele Mugnani, vice presidente nell’Europa meridionale di CGM – si inserisce nel solco della nostra continua espansione del mercato e mira a perseguire la qualità dei servizi e la soddisfazione dei nostri clienti».

© Riproduzione riservata