BayerÈ stata avviata la seconda edizione di G4A Milan 2018, l’incubatore di startup promosso dalla multinazionale Bayer per individuare le startup italiane più interessanti e innovative nei settori della salute e agricoltura. «Realtà imprenditoriali già sviluppate – spiega l’azienda – potranno seguire un programma di accelerazione di 100 giorni a partire dal prossimo settembre, che permetterà di accedere a percorsi di mentorship con i top manager dell’azienda, a eventi G4A locali e internazionali, e a spazi di coworking nella sede Bayer di Milano». G4A è la declinazione italiana dell’iniziativa globale g4a.health, nata nel 2015 con una serie di eventi dedicati a startupper ed esperti di digital health. Nel capoluogo lombardo, le startup «avranno l’opportunità di entrare in contatto con un network di potenziali investitori, venture capitalists e operatori del settore della salute, e saranno selezionate in base alla vicinanza alle aree terapeutiche e alle esigenze dei business Bayer, all’innovatività della soluzione e all’impatto tecnologico».
Chi volesse iscriversi deve farlo entro il 30 giugno 2018, attraverso il sito Internet grants4apps.it. «Tutti i progetti già iscritti nella sezione “Startup” – specifica la Bayer – potranno candidarsi inviando contatti e breve descrizione del team e del progetto all’indirizzo mail: italy.grants4apps@bayer.com». «Con questa nuova edizione del programma G4A Milan – ha spiegato Stefano Beltramolli, responsabile dell’Information di Bayer Italia – vogliamo fare un ulteriore passo in avanti: cerchiamo startup in grado di collaborare tangibilmente con Bayer. Vogliamo lanciare loro una nuova sfida: risolvere esigenze concrete dei nostri business durante un percorso di accelerazione che possa affiancarsi alle altre attività di trasformazione digitale avviate in azienda». Quest’ultima fa sapere di avere registrato un fatturato, nel 2017, pari a 35 miliardi di euro, con un totale di circa 100.000 collaboratori. In particolare, gli investimenti in ricerca e sviluppo sono stati di circa 4,5 miliardi di euro.

© Riproduzione riservata