antitetanica striscia la notizia«Le importazioni in deroga hanno avuto problemi di certificazioni. L’Aifa per evitare un allungamento dei tempi è intervenuta per sbloccarle. In questo modo nelle prossime settimane la situazione dovrebbe normalizzarsi». È con queste parole che Domenico Di Giorgio, dell’area ispezioni e certificazioni dell’Agenzia Italiana del Farmaco ha spiegato in che modo si sta cercando di intervenire per affrontare la questione della carenza di vaccini e immunoglobuline contro il tetano negli ospedali e nelle farmacie. Parlando all’Ansa, il dirigente ha fatto sapere che «le strutture in difficoltà possono chiedere all’Aifa aiuto per velocizzare le procedure e reperire il prodotto». La questione è particolarmente problematica: la stessa agenzia di stampa spiega che «nelle farmacie aperte al pubblico sia l’antitetanica che antidifterica e antitetanica assieme sono completamente esaurite». Nello scorso mese di settembre, come riferito da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, il presidente dell’Ordine dei farmacisti locale di Mantova, Marco Cavarocchi, aveva denunciato il caso di una donna che non era riuscita a trovare il richiamo del vaccino contro il tetano nonostante averlo cercato in numerose farmacie. «Si tratta di una carenza che è gravissima e riguarda tutto il territorio nazionale», aveva affermato il dirigente.
Anche il programma di Canale 5 Striscia la notizia ha affrontato la questione. Nella puntata andata in onda nella serata di lunedì 6 novembre, è stato trasmesso un servizio girato nella città di Napoli. Nel video, un attore del telegiornale satirico si reca all’interno di alcune farmacie chiedendo se fosse disponibile l’antitetanica: «No, purtroppo quella manca da mesi e mesi», risponde una prima professionista dietro al banco. «Non ce la stanno proprio mandando, è inutile che provi anche altrove», le fa eco una collega di un’altra farmacia. «Non viene prodotta e non sappiamo perché», aggiunge una terza farmacista. Un altro spiega di aver depositato anche una denuncia alla procura della Repubblica: «L’ho fatto nel mese di giugno. Sono venuti i carabinieri del Nas ai quali ho mostrato le note degli ordini. La denuncia è arrivata al ministero della Salute, e una settimana dopo mi hanno chiamato dall’Aifa, dicendomi che a loro non risulta che nella mia zona manchi il prodotto. Eppure non lo abbiamo da mesi». L’attore di Striscia la notizia prova quindi a rivolgersi ad un ospedale, dove un medico spiega: «L’antitetanica non esiste in tutta la Campania, non è reperibile in alcun ospedale». Ma la conferma del fatto che si tratta di un’emergenza nazionale arriva da Roma e Milano: anche qui nelle farmacie risulta impossibile reperire il prodotto. «La risposta che ci è stata data da Federfarma sulla questione è scioccante», prosegue la trasmissione, che mostra una persona filmata con una telecamera nascosta, che dichiara: «Il problema è che le case farmaceutiche preferiscono vendere all’estero piuttosto che in Italia». Nella giornata di martedì 7 novembre è arrivata la replica di Michele Di Iorio, presidente di Federfarma Napoli, che ha giudicato il servizio «tanto inutile quanto cinico». «Un soggetto ignoto, munito di telecamera nascosta, si è presentato presso gli uffici dell’associazione, in mia assenza, sostenendo che fosse compito di Federfarma procacciare il prodotto. I nostri collaboratori, per ingenua ospitalità, hanno provato a spiegare ruoli e funzioni della nostra associazione. Il servizio, sgradevole, inopportuno ed inutilmente strumentale, ha ferito la nostra immagine tanto che ho conferito mandato ai nostri legali di valutare l’accaduto dai punti di vista civile e penale». Nel merito del problema, Di Iorio ha spiegato che esso «resta serio, tanto da aver indotto l’Aifa, nella serata di ieri, avvertita dell’imminente servizio, ad autorizzare l’importazione in deroga dall’estero dell’immunoglobulina. Se questo sarà il risultato concreto, ben vengano le inchieste grottesche».

© Riproduzione riservata

CONDIVIDI

FarmaciaVirtuale.it è un giornale online – registrato presso il Tribunale di Napoli con autorizzazione numero 10 del 27 gennaio 2016 – concepito per divulgare le conoscenze legate all’esercizio della professione del farmacista. 
Per ricevere quotidianamente tutte le novità di farmacia e settore farmaceutico iscriviti alla newsletter.

1 commento

  1. FEDER FERMA E SIMILARI: I FAVOLOSI 113….I cosiddetti ignavi………….nulla di nuovo sotto il sole….e dovremmo anche difenderli? Ma nemmeno per sogno…..servirebbe eliminare un sindacato che non c’e’…chiede continuamente a noi di fare a costo zero servizio di asl e ospedali……senza ridarci la professione ,la galenica le dpc .15 anni fa’ la spesa farmacetuica era il 65% nelle farmacie private oggi e’ del 35% nelel farmacie private e del 65%negli ospedali ed asl e ancora decidono di ridurci tale quota farmacetutica …per farci fare compiti a costo zero ripeto zero diabete colon e cup etc…sono incompetenti,.,….a casaaaaaaa e che non tornino mai piu’…

    Sono una categoria di peccatori incontrati da Dante Alighieri nell’Antinferno, durante la narrazione del suo ipotetico viaggio nel regno dell’oltretomba.
    Essi sono aspramente descritti nel Canto III dell’Inferno.
    Questi dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, tra essi sono inseriti anche gli Angeli che non si schierarono nella battaglia che Satana perse contro Dio.
    Dante li inserisce qui perché li giudica indegni di meritare sia le gioie del Paradiso, sia le pene dell’Inferno, a causa proprio del loro non essersi schierati né a favore del bene, né a favore del male.

    Gli ignavi sono coloro che in vita non hanno mai preso una posizione certa, nè col bene nè col male, e per questo Dante li colloca al di fuori dell’inferno. L’ulteriore disprezzo per loro nasce proprio dal fatto che non hanno mai avuto il coraggio di schierarsi, sono sempre rimasti vili e nascosti, senza vivere appieno la loro vita. Dante non nomina nessun ignavo, perchè sarebbe un vanto per loro essere ricordati; ne indica solo uno con la perifrasi “colui che fece per viltade il gran rifiuto”, e ancora oggi i critici sono indecisi su chi sia questo peccatore.MA I NOMI LI CONOSCIAMO TUTTI….ALMENO NELLA NOSTRA CATEGORIA…

    Le toerie più accreditate indicano Ponzio Pilato (che delegò la scelta di salvare o meno Gesù al popolo) ….QUI SI E’ DELEGATO IL FUTURO DELLA CATEGORIA AL MERCATO E ALLE GDOSENZA FARE ASSOLUTAMENTE NULLA……….PER IL NOTRO VERO FUTURO….

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here