andrea mandelli«Nel momento in cui il timore per la diffusione dei batteri resistenti agli antibiotici suscita un giustificato allarme, è bene ripartire, per così dire, dai fondamentali». È con queste parole che il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli, è intervenuto nel dibattito attorno all’antimicrobico resistenza. L’Organizzazione mondiale della sanità ha diffuso alla fine di gennaio nuovi dati allarmanti, parlando di mezzo milione di casi in 22 Paesi e chiedendo pertanto ai governi di migliorare la vigilanza e la raccolta di dati in merito, al fine di consentire alla stessa Oms di comprendere al meglio l’entità del fenomeno.
«Nei giorni scorsi – ha aggiunto Mandelli – il National Institute for Clinical and Healthcare Excellence (NICE) britannico ha pubblicato le nuove linee guida per il trattamento delle angine, cui di solito ci si riferisce come “mal di gola”, dicendo a chiare lettere che il ricorso agli antibiotici è inutile. In primo luogo perché nella maggioranza dei casi anche faringiti e tonsilliti sono dovute a virus, e non a batteri, e poi perché, anche quando si tratta di infezioni batteriche, il ricorso all’antibiotico cambia di poco l’evoluzione del disturbo. Se generalmente i sintomi si risolvono in sette giorni, con l’assunzione del farmaco, dicono gli studi, il decorso si abbrevia di poche ore. In compenso si corre il rischio di selezionare una popolazione batterica capace di sopravvivere all’azione dell’antibiotico». È per questo che il NICE ha raccomandato di ricorrere ad antinfiammatori e analgesici, per contrastare i sintomi dolorosi, medicinali che sono disponibili anche senza ricetta. «Il messaggio – conclude il presidente della Fofi – è semplice: anche se si ha in casa un antibiotico avanzato da una precedente occasione, assumerlo in queste circostanze è inutile e, anzi, controproducente, così come non ha senso insistere con il medico, o il farmacista, per ottenere questi medicinali, che sono dispensabili solo dietro prescrizione. Poi è evidente che se la situazione peggiora, il disturbo si prolunga oltre i sette giorni o ai sintomi locali si aggiunge una situazione di malessere generale è fondamentale ricorrere al medico. Questi possono sembrare episodi di importanza minore, ma è proprio dall’impiego scorretto degli antibiotici per condizioni molto diffuse che viene alimentato il fenomeno dei cosiddetti superbatteri».

© Riproduzione riservata