amazon-farmacie«Amazon ha rapidamente incrementato gli sforzi sulle vendite di vitamine, prodotti per la salute e la cura della persona e anche medicinali Otc. E sembra stia puntando ora ai farmaci con obbligo di prescrizione, il che significherebbe fare breccia nell’ultimo baluardo delle farmacie. Ciò comporta un cambiamento di rotta anche da parte di chi vende, poiché è necessaria – di fronte alla nuova realtà di crescita dell’e-commerce – una “strategia digitale” in termini di marketing». A spiegarlo è un articolo apparso sul magazine online specializzato Drug Store News, secondo il quale sarà necessario mettere in pratica novità e investimenti necessari per «sopravvivere». Il giornale spiega che la maggior parte degli utenti che acquistano su Amazon lo fa effettuando una ricerca (ed eventualmente indicando una categoria) e limitandosi in larga parte alle proposte che appaiono nella prima pagina di risultati visualizzata. «Quest’ultima è dedicata a due tipologie di prodotti: quelli per i quali si paga molto denaro al fine di garantirsi ampia visibilità, e quelli che sono stati ottimizzati per il motore di ricerca interno al sito di marketplace. Ciò significa che, ad esempio, se state vendendo delle compresse di omega-3, occorrerà porre particolare attenzione al contenuto inserito al fine di “intercettare” tutte le parole che possono essere utilizzate dagli utenti per cercare il prodotto». Inoltre, Drug Store News ricorda che Amazon è aperto 24 ore su 24: occorre perciò vigilare continuamente sul mantenimento dell’indicizzazione dei prodotti o, ad esempio, sul fatto che essi possono essere acquistati in quantità importanti – magari di notte o nei fine settimana – e perciò risultare esauriti. Ma secondo il magazine americano occorre fare attenzione anche ad altri canali che possono essere sfruttati: ad esempio quello che passa per Amazon Prime, ovvero la membership proposta ai clienti che consente di risparmiare in particolare sulla spedizione. Avere i propri prodotti offerti nell’ambito di tale programma può aprire ad un netto incremento delle vendite. Un’altra area di particolare interesse è la nascente iniziativa “Dash”, che permette di comprare su Amazon semplicemente cliccando sul bottone di un apparecchio simile ad un token, posto ad esempio in un armadio nel quale si conservano i prodotti e connesso direttamente al web, per ordinare una nuova scorta.

© Riproduzione riservata