farmacopea ufficialeIn più di un’occasione, la Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani ha inviato delle note al ministero della Salute, con l’obiettivo di sottolineare la necessità di operare una revisione della Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana. Ciò in quanto l’ultimo aggiornamento di tale documento risale ormai a più di sette anni fa, e precisamente ad un decreto ministeriale che fu emanato il 26 febbraio del 2010. La richiesta è stata accolta dal dicastero, che – citando l’articolo 124 del testo unico delle leggi sanitarie, approvato con regio decreto numero 1265 del 1934 – ricorda come faccia parte degli obblighi del ministero l’onore di effettuare la revisione del testo ogni cinque anni. È per questa ragione che lo stesso ministero della Salute ha fatto sapere di voler istituire un tavolo di lavoro tecnico, che sarà incaricato di elaborare una proposta di aggiornamento. A farne parte saranno l’Istituto Superiore di Sanità, l’Agenzia Italiana del Farmaco, la stessa Fofi, Federfarma, la Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie, la Sifap, Federchimica, l’Associazione farmaceutici industria, l’Associazione italiana di Medicina nucleare e Imaging molecolare, Assogenerici e la Chemical Pharmaceutical Generic Association. Tutti gli enti sono stati invitati a designare due rappresentanti ciascuno per partecipare ai lavori.
La Federazione degli Ordini dei farmacisti ha sottolineato che, per proprio conto, saranno presenti al tavolo il segretario Maurizio Pace e il tesoriere Mario Giaccone. E ha aggiunto di aver «richiesto l’inserimento, nel decreto di revisione, di una norma che consenta la ricezione dell’aggiornamento della Farmacopea tramite la casella di posta certificata della farmacia». Nello scorso mese di settembre – come riportato da FarmaciaVirtuale.it – di fronte al problema dell’esaurimento delle copie cartacee della stessa Farmacopea, la Fofi aveva anche chiesto di poter diffonderne ai farmacisti copie digitali.
Per ora non è nota la data in cui si svolgerà la prima riunione, né quali saranno i tempi per l’approvazione del nuovo testo della Farmacopea.

© Riproduzione riservata